PROMETEO E IL PRIMO UMANO – SONETTO IN DIALOGO

 

Di fare grandi cose a questo mondo
fui sempre dall’urgenza trascinato,
negli uomini ho creduto fino in fondo,
carissimo è lo scotto che ho pagato.

Chi sei tu, che di terra mi hai creato?
Chi sono io, che alla vita mi affaccio?
Perché sto a questo mondo, che ci faccio?
Perché di saper tutto non mi è dato?

Da tempo immemore soffro una pena
che non si può neppure concepire,
aver per voi sacrificato tutto

 

e queste cose poi dover sentire.
Un essere che intorno a sé ha distrutto
con sì indomabile e creativa vena

 

dannando altrui e sé al completo sbando,
di metafisica filosofando
sta a chiedersi il perché, il percome e il quando.

 

 

Ah, se potessi prendere il comando…

 

Sonnet by Francesca Boncompagni

 

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando confermi l'uso dei cookie in conformità con la nostra policy.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi