EURYDICE

 

 

Ti amavo, divenuta ero tua moglie

il giorno stesso in cui poi sono morta

d’Ade varcando la tremenda porta

e a te lasciando esangui le mie spoglie,

 

e tu mi amavi, e a prendermi scendesti

movendo il dio de l’oltretomba al pianto,

eppur non valse il più sublime canto

chè alla fine del viaggio mi perdesti;

 

tornai invano a gustare la speranza

con te di rintrecciar di Amor la danza;

tu poi sei stato accolto lassù in cielo

 

mentr’io qui mi dissolvo al fosco gelo:

nessuno or più mi vede né mi ascolta,

per me è finita una seconda volta.

Sonnet by Francesca Boncompagni

 

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando confermi l'uso dei cookie in conformità con la nostra policy.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi